emma frignani

Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas.

Cos'è e cosa mi dà il gruppo di Adotta1Blogger

Adotta1Blogger perché…

Se non ricordo male, feci il mio timido ingresso all’interno della comunità di Adotta1Bogger grazie all’adozione, mi pare, di Francesco Ambrosino. Se sbaglio, spero che nessuno me ne vorrà. Questo risale a più di un anno fa, ma forse sono stata adottata prima. Mi sono persa alla ricerca dell’origine, ma Facebook non mi ha permesso di arrivarci. O io non sono stata abbastanza abile e paziente. Tant’è, non è questo lo scopo del mio scrivere ora, anche se non posso negare un certo disappunto nell’aver fallito la ricerca e nel constatare la mia ostinazione, talvolta fastidiosa.

Oggi, è l’#adotta1bloggerday.
Come ho appena detto, non sono qui per risalire alle origini dell’universo, tentazione diabolica per la mia curiosità, che alle volte si impantana fino ad annegarci dentro; sto scrivendo questo post per spiegare che cosa mi ha dato questa bellissima esperienza. E, soprattutto, cosa sta continuando a darmi, visto che, nonostante le dedichi meno tempo di quanto vorrei, faccio ancora parte del gruppo e continuo a dare il mio contributo. Piccolo, ma costante.

Adotta1Blogger ha determinato numerosi cambiamenti nel mio modo di vedere e, soprattutto, di vivere la rete. Le ha dato un significato diverso, l’ha vestita di un abito capace di metterne in risalto le forme, senza per questo diventare eccessivo o volgare.

Adotta1Blogger ha dato una definizione ostensiva e operativa del concetto di comunità, tanto inflazionato quanto —troppo spesso, ahinoi— deprivato di una qualsiasi sostanza e realtà, soprattutto nel contesto liquido e impalpabile della rete.

Adotta1Blogger mi permette di capire il significato concreto di appartenenza e di condivisione. Ho conosciuto e continuo a conoscere persone interessanti e tutte differenti. Ognuna un universo a sé stante, con le proprie paturnie e le proprie generosità e debolezze. Anche questo fa parte del gioco. Grazie a questo gruppo, sto imparando ad apprezzare la bellezza commovente della diversità. Ad aprire ogni giorno di un piccolo grado la mia finestrella, per poter godere via via di un quadro più ampio.

Adotta1Blogger mostra al suo interno anche alcune delle problematiche legate al concetto stesso di comunità, con le sue rivalità, le piccole invidie, i dissapori che ne insidiano a volte le basi, dandoci al contempo la possibilità di confrontarci per risolvere le questioni in sospeso. Che, a mio parere, nascono per lo più da una mancata comunicazione, da un fraintendimento, dalla fretta o dal mancato ascolto, certo non da una scelta deliberata.

Adotta1Blogger mi permette di crescere sia professionalmente che come individuo: è un agglomerato inesauribile di risorse e strumenti utilissimi a chiunque lavori nel magico mondo del web; crea connessioni nuove e inaspettate, aumenta le possibilità di ognuno dei partecipanti in un’ottica di scambio sensato e non fine a sé stesso o all’aumento dei like. Non è solo uno stimolo, ma anche un generatore d’interessi: mi prende per mano e mi porta a varcare soglie verso mondi sconosciuti e cangianti.

Ringrazio Paola Chiesa, l’ideatrice, la mamma di questo bel progetto, per la passione, la competenza, la dedizione che ci trasmette ogni giorno. E, naturalmente, i miei compagni di cammino vecchi e nuovi. Troppi per conoscerli tutti, e di questo mi rammarico.

Grazie a Paola e a tutto il gruppo, non soltanto ho aumentato il mio bagaglio culturale, ma, cosa più importante di tutte, sto imparando a interagire in maniera più matura e costruttiva con gli altri essere umani. Ho affinato —c’è ancora molto da fare ;)— il mio ascolto e la mia disponibilità. Senza perciò farmi schiacciare.

Insomma, scoprendo altri universi, i miei compagni di viaggio, sto anche sollevando con grande cautela e altrettanta curiosità il mio personale vaso di Pandora.

E quello che sta uscendo mi piace.

[Photo: Peanuts]

Previous

Fiori d’acciaio di Alessia Savi: una riflessione

Next

Il multipotenziale all’alba del terzo millennio

6 Comments

  1. Adriano

    Complimenti 😀 Anche se, devo essere sincero, questa cosa dell’adotta un blogger non l’ho capita tanto tanto bene ma sto cercando di colmare le mie lacune 🙂

  2. Ciao Adriano, grazie! Beh, per saperne di più riguardo ad #adotta1blogger, ti consiglio di visitare il sito, che ho linkato insistentemente anche all’interno del mio articolo. Paola spiega con grande chiarezza l’intento che muove questo bellissimo gruppo. Se ti va, puoi dare un’occhiata anche alla descrizione del gruppo all’interno di Facebook 😀

  3. Adotta1Blogger ha determinato numerosi cambiamenti nel mio modo di vedere e, soprattutto, di vivere la rete. Le ha dato un significato diverso, l’ha vestita di un abito capace di metterne in risalto le forme, senza per questo diventare eccessivo o volgare.

    Condivido, Emma, anche in me ha determinato numerosi cambiamenti… Grazie e bacio. Gloria

    • Ciao Gloria, grazie per essere passata di qua. Non mi sarei mai aspettata di vivere un’esperienza così intensa grazie al web. Si tratta di una sorpresa, insolita e gradita. Mi sta permettendo di crescere come essere umano, e di questo non sarò mai abbastanza grata.
      Credo, comunque, che per cambiare sia necessaria prima di tutto una predisposizione, un’attitudine, una volontà interiore. Evidentemente, stiamo vivendo questa urgenza e le esperienze che scegliamo di vivere ci aiutano in questo.

      Un bacio per te 🙂

  4. Si può adottare un post nell’#adotta1bloggerday? 😀
    Se sì, considerati adottata 😀

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén