emma frignani

Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas.

Blog: non ho un piano, maledizione!

Ho aperto il mio blog, non senza uno sforzo sovrumano. Paure, dubbi, tentennamenti. Poi ho deciso. E scontrandomi con il coacervo di stupide ritrosie che occupano la mia mente, ho spalancato questa finestrella virtuale. Sono caduta nella rete.
Ma sono partita senza scorte, solo un poco di pan di via e tante idee deliranti, sogni incompiuti e sparpagliati come fogli spazzati via da un refolo dissacrante e capriccioso.
Sto navigando parecchio per vari blog, voglio capire, carpire il senso o i sensi. E il confronto mi aiuta moltissimo. Le regole fondamentali per far crescere il proprio blog a quanto trapela dalle migliaia di parole che leggo quotidianamente sono due: leggere e scrivere. Il mio cervello funziona per mimesi e istruzioni precise. Leggere e scrivere sono istruzioni semplici e chiare perciò credo di poterle seguire.

Previous

Meditazione come acqua

Next

Sulla possibilità di comunicare

3 Comments

  1. Soprattutto, cerca di essere te stessa. Di scrittori, o aspiranti tali, ce ne sono molti. Di blogger, pure di loro ce n’è molti. Quello che funziona davvero, non è leggere o scrivere né nessun’altra regola, ma mostrarsi per quello che si è. In bocca al lupo per il tuo progetto. 🙂

    P.S. il piano lascialo ai musicisti, sii spontanea invece. 😉

  2. Cara Emma,
    il pan di via è un ottimo inizio, leggerti è un piacere!
    Vedrai che certi giorni ti andrà di scrivere sempre… poi per settimane no, a me perlomeno capita così. Ma c’è sempre intorno a me un “campo” che mi manda ispirazioni, idee, progetti da condividere. E sono certa che anche tu avrai facilmente accesso al tuo, magari è anche molto vicino. 😉
    Un abbraccio e in bocca al lupo per il tuo nuovo blog!
    🙂
    Viviana

  3. Grazie Viviana!
    È proprio vero, da quando mi impegno con dedizione e costanza al mio progetto, tutto intorno a me sembra rispondere, reagire, mandandomi nuove idee e collegamenti inaspettati 🙂 Ho molta fiducia e credo di essere sulla strada giusta grazie anche alle persone che incontro e con le quali mi confronto.

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén