emma frignani

Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat veritas.

Costanza e passione contro la tentazione di abbandonare il mio blog

Costanza e passione Vs paura di fallire

Da tempo rifletto sulla possibilità di aprire un nuovo blog personale vista la costipazione di questo. In questi giorni ho realizzato invece che è utile che io mantenga questo blog: la tentazione di scomparire e di cancellare il mio primo esperimento semiserio di blogging è forte, ma non quanto la mia volontà di monitorare i miei progressi. Ho aperto questo spazio virtuale per impormi di scrivere con costanza, di esercitarmi nella mia passione. La paura di non essere all’altezza, il timore dell’indifferenza, la vergogna mi hanno tenuto lontana, appartata, appena fuori dal cerchio magico del blogging.
Mi sono arrovellata a sufficienza: è giunto il momento di agire per ottenere ciò che desidero.

Ho scritto questa piccola nota non per giustificare la mia assenza ma per dirvi che alle volte non solo è utile ma diventa doveroso aprire il proprio armadio degli scheletri, offrir loro un caffè, e metterli in una bella teca, a monito per il futuro. Voglio tenere una sorta di storico del mio tortuoso percorso nella scrittura per il web; sono curiosa delle mie reazioni quando tra qualche tempo andrò a rileggere i miei primi passi nell’incantato universo della rete 🙂

E voi, preferite distruggere o conservare?

Previous

Scrittura creativa: un esempio

Next

Creatività e limiti

2 Comments

  1. Essendo un’accumulatrice… preferisco conservare. In accademia ci dicevano di non buttare mai nessun dipinto nel camino. I fallimenti insegnano molto più dei lavori ben riusciti.

  2. In effetti, i fallimenti e gli errori in generale possono considerarsi varchi verso un cambiamento: una sorta di bussola che ti suggerisce non la direzione da prendere, ma le rotte da evitare. Funziona però soltanto attraverso l’esperienza 🙂

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén